Il making of di Street Fighter III: 3rd STRIKE raccontato dagli sviluppatori

0

Il sito di traduzioni shmuplations ha appena pubblicato tre interviste gustosissime agli sviluppatori di Street Fighter III: 3rd STRIKE, rilasciate nel 1999 a Gamest a ridosso dell’uscita del gioco. Per incuriosirvi ulteriormente eccovi qualche estratto, tradotto questa volta in italiano:

Stavolta volevamo davvero creare degli sfondi bellissimi, che ti invogliassero a fermarti un attimo ad osservarli. Tutto lo staff ha messo cuore e anima nel comparto grafico del gioco.

Va bene, vi racconto un piccolo segreto. Lo sviluppo del design di Makoto in realtà l’abbiamo concluso prima della release del 2nd Impact, ma per varie ragioni non siamo riusciti a includerla nel gioco finito, puntando a inserirla nel prossimo. E così abbiamo fatto!

Q è un mistero. Non dirò altro.

Onestamente abbiamo anche discusso la possibilità di uscire completamente dal mondo arcade. Non abbiamo grandi profitti in questo settore, e gli operatori sembrano non voler più i video giochi classici. Qualcuno in Capcom ha suggerito di concentrarci interamente sul mercato console.

Ma se l’avessimo fatto, l’intero settore sarebbe collassato. Credo di poterlo dire con sicurezza.

Ci siamo sentiti genuinamente in dovere di dare il massimo per questo gioco, lasciando ai giocatori qualcosa in cui potersi immergere e da poter gustare negli anni a venire.

Beh, ce l’avete fatta, Funamizu-san.

Share.

About Author

Admin e poster boy (ehm) di Arcade-Extreme. Gioco a Street Fighter III: 3rd STRIKE, lavoro con community digitali e Social Media, viaggio in Giappone.

Comments are closed.